Gazzettino di Salerno

Martedi, 23 Gennaio 2018  22:22:17
A+ A A-

Un altro operaio perde la vita al porto di Salerno, i sindacati proclamano lo sciopero di 24h In evidenza

"Oggi al Porto di Salerno si è consumata un'altra tragedia dovuta a un incidente le cui cause e dinamiche sono ancora da precisare. L'infortunio occorso e che è costato la vita a un giovane lavoratore, Beniamino Tafuri, ripropone purtroppo la questione della sicurezza all'interno del Porto di Salerno più volte sollevata dalle scriventi Organizzazioni sia nei confronti delle aziende che nei confronti degli Enti preposti alla verifica e al controllo delle condizioni di sicurezza. Il lavoro dovrebbe dare speranza e futuro, non provocare morte e disperazione nelle famiglie delle vittime. Non è più tollerabile che si possa morire in questo modo". A dichiararlo, attraverso un comunicato stampa, sono i sindacati: CGIL, CISL e UIL.

"La sicurezza sul lavoro non deve essere vissuta come un costo ma come un investimento costante per la tutela e valorizzazione dei lavoratori. E’ necessario voltare pagina e definire tutte le azioni utili al fine di salvaguardare in maniera sostanziale e non formale, la salute, l’integrità e la vita delle persone all’interno del Porto di Salerno. Confermiamo il nostro impegno sulla sicurezza del lavoro ed esprimiamo cordoglio alla famiglia del lavoratore che ha perso la vita. Nel contempo chiediamo che la Magistratura e gli organi inquirenti realizzino un impegno fortissimo nell'individuare le precise cause e responsabilità di questa tragedia. Per tutte queste motivazioni le scriventi OO.SS. proclamano lo sciopero di 24 ore. L’astensione dal lavoro si effettuerà dalle ore 08:00 di mercoledì 20 alle ore 08:00 di giovedì 21 dicembre 2017 compresi".

Il cordoglio di Sinistra Italiana Salerno

"Sinistra Italiana, in questo momento di lutto, si stringe intorno alla famiglia del lavoratore scomparso quest'oggi. Vogliamo, senza polemizzare, ancora una volta sottolineare che dopo 10 anni dalla tragedia della Thyssenkrupp in Italia si continua a morire di lavoro. Il governo parla di una riduzione del numero dei morti, ma in realtà gli unici numeri a diminuire sono quelli dei posti di lavoro. La sicurezza nelle aziende è diventata una mera occasione di business e i controlli inefficaci uniti alla logica disumana del profitto continuano a mietere vittime. La nostra proposta è di rivedere il testo unico, inasprendo le sanzioni per i datori di lavoro che falsificano gli attestati e premiando le aziende realmente virtuose; rafforzare gli organismi di controllo che sono sottodimensionati e migliorare le condizioni dei luoghi di lavoro, mettendo al primo posto l'essere umano e i facili guadagni". Queste le dichiarazioni del coordinatore provinciale di Sinistra Italiana Salerno, Rosita Gigantino.

ASD APS Partizan Salerno. C. F. 95152990651. Sede operativa: via Cristoforo Capone 47, Salerno 84135. R.V.G.N 160/2013. Registrato presso il tribunale di Salerno il 28/02/2013 Registro stampa n. 4/2013 R.V.G. 160/2013 Cronologico n.401/2013.

Contatti: Gazzettino di Salerno

Sito Web realizzato da: Webartis di Silvio Caricasole