Gazzettino di Salerno

Sabato, 16 Dicembre 2017  21:40:17
A+ A A-

Salerno, Gianpaolo Lambiase commenta 'l’affare della fibra ottica' In evidenza

Oltre 15 anni fa il Comune di Salerno annunciava con grande enfasi, che stavano iniziando i lavori per la “banda larga” in città. Come vantato per altri primati (raccontati e mai raggiunti), Salerno sarebbe diventata la città “più cablata” d’Italia!

Si mise all’opera Kingcom telecomunicazioni, che, durante la fase di completamento dei lavori, a dicembre 2003 è stata messa in liquidazione.

La Kingcom comunque completò tre anelli cittadini e portò in fase di ultimazione altri collegamenti in fibra ottica, servendo quasi tutte le utenze salernitane (tranne le frazioni periferiche).

 Il 15 novembre scorso i media locali hanno ricevuto un altro annuncio: "Salerno ad ultravelocità con la banda ultralarga! Open Fiber ha siglato la convenzione con il Comune di Salerno, che garantirà ai cittadini una connessione ultrarapida, sicura ed efficiente attraverso un’infrastruttura interamente in fibra ottica. Il piano dell’azienda prevede il cablaggio di 44mila unità immobiliari tra famiglie e aziende del comune campano attraverso 26mila chilometri di fibra, realizzati entro 18 mesi dall’avvio dei lavori, con un investimento di 15 milioni di euro".

Da notizie acquisite, sembra che i lavori da eseguire (le fibre ottiche da posare nel sottosuolo), toccheranno le stesse aree già servite dalla ditta Kingcom, poi fallita.

Prima domanda. La rete di fibre ottiche già posata, è inutilizzabile?

Seconda domanda. Perché la Giunta Comunaleha affidato direttamente, senza indagine di mercato o gara pubblica all’Open Fiber la realizzazione di una nuova rete di fibre ottiche sul territorio cittadino?

Terza domanda. Se si esamina la convenzione approvata tra Comune di Salerno ed Open Fiber, sembra ci sia un ritorno (in termini di servizi acquisiti gratuitamente) per l’Ente pubblico: l’allacciamento alla rete “cablata” delle sedi degli uffici comunali. Chi ha valutato che questo è il massimo che il Comune può ottenere da una “operazione” così economicamente vantaggiosa per Open Fiber?  Si poteva richiedere ancora l’ampliamento della rete alle frazioni alte oppure l’allacciamento della “fibra ottica” anche alle scuole pubbliche?

Chi è Open Fiber. Nel 2016 è nata la società Open Fiber, sponsorizzata dal governo Renzi, che avrebbe dovuto posare la fibra ottica sul territorio nazionale e “trasportare l’Italia intera nell’era digitale”. Open Fiber sta facendo incetta di fondi pubblici predisposti per cablare anche i Comuni più piccoli, dove altri operatori potrebbero non avere interesse a farlo con fondi propri.
Open Fiber ha comprato la più grande rete in fibra già esistente in Italia, posseduta da Metroweb.

Metroweb è nata alla fine degli anni Novanta per cablare Milano e affittare la rete realizzata ai gestori di telefonia. L’azienda è una straordinaria generatrice di profitti. Lo scorso anno l’affitto a terzi della rete in fibra ottica ha permesso a Metroweb di realizzare ricavi per 61 milioni di euro. I costi operativi e di gestione sono piuttosto ridotti, per cui Metroweb ha chiuso il bilancio con un margine di 52 milioni di euro, il 60 per cento dei ricavi (notizie da un articolo de L’Espresso 17 luglio 2017).

Bisognerebbe conoscere nel dettaglio che cosa è diventato il business della telecomunicazione, per valutare in modo equo il ritorno economico che dovrebbe riceverne un Ente Pubblico Locale!

 

Gianpaolo Lambiase - Salerno di Tutti

Vincenzo Iannone Editore Srl Semplificata. P.IVA 05118310654. Sede legale: via Vittorio Emanuele III n°18, Pellezzano (SA) 84080 R.V.G.N 160/2013

Registrato presso il tribunale di Salerno il 28/02/2013 Registro stampa n. 4/2013 R.V.G. 160/2013 Cronologico n.401/2013

Contatti: Gazzettino di Salerno

Sito Web realizzato da: Webartis di Silvio Caricasole