Gazzettino di Salerno

Martedi, 20 Febbraio 2018  22:18:43
A+ A A-

Elezioni, Marco Minniti (PD): 'Non vogliamo i voti della camorra' In evidenza

Ieri, presso la Stazione Marittima "Zaha Hadid, Molo Manfredi-Salerno, il Ministro dell' Interno Marco Minniti e Piero De Luca, hanno illustrato il programma del Partito Democratico, sui temi della sicurezza per il Mezzogiorno.

"Le mafie votano e fanno votare, le forze politiche dicessero che quei voti non li vogliono - ha dichiarato Minniti - sono qui per dire una cosa semplicissima, per quanto riguarda il Pd, noi quei voti in Campania non li vogliamo e non li vogliamo".

"Leggendo la relazione semestrale della Direzione Investigativa Antimafia, apprendiamo con enorme preoccupazione che in Campania agiscono tanti piccoli eserciti di minorenni, i quali  praticano una quotidiana violenza quale strumento di assoggettamento ai loro coetanei più piccoli. L'età dei minori coinvolti è sempre più bassa e il fenomeno rischia di espandersi e deflagrare anche in zone del nostro territorio non ancora interessate. Occorre reagire subito. Ai mini eserciti di baby gang, è necessario mettere in campo un esercito, un esercito di insegnanti, educatori ed operatori sociali, il cui lavoro va riconosciuto con adeguati finanziamenti. Sono loro infatti gli ultimi veri eroi a rappresentare le istituzioni democratiche in presidi qualificati sui territori. A tal fine, occorre fare ogni sforzo perché le scuole possano essere aperte fino a sera. Altrettanto indispensabile e’ prevedere sanzioni ferme e serie, rendendo in particolare obbligatorie le misure di sostegno rieducativo a partire dai 12 anni per i ragazzi coinvolti in tale fenomeno, mediante l’affidamento a comunità e centri di assistenza specialistica". Queste le dichiarazioni di Piero De Luca, candidato nel collegio uninominale di Salerno e nel listino proporzionale di Caserta. 

"Salerno è stata in questi anni capitale dell'accoglienza. La nostra Città ha sostenuto lo sbarco nel suo porto di migliaia di migranti, provvedendo al governo degli aiuti con professionalità ed umanità - ha aggiunto - Al contempo, Salerno si è imposta come modello di città italiana all’avanguardia per la sicurezza, al riparo da escalation di fenomeni legati alla micro criminalità, anche giovanile, che territori vicini sono drammaticamente costretti a registrare e subire. A Salerno sono stati inoltre ostacolati ed impediti fenomeni legati a comportamenti abusivi o aggressivi, perseguendo le forme più efficaci di convivenza civile. Ma non possiamo accontentarci - ha concluso - La nostra proposta di assunzione immediata di 10000 agenti delle forze dell ordine, risponde all'esigenza di potenziamento della presenza  sui territori di sicurezza e serenità per le famiglie, le aziende, gli anziani ed i cittadini. A Salerno va destinato un numero congruo di poliziotti e carabinieri tra i nuovi assunti, per riuscire a conservare alti livelli di sicurezza e di tenuta civile delle comunità. Allo stesso scopo, lavorando nella direzione già intrapresa, va  rafforzato l'utilizzo delle più moderne tecnologie di controllo del territorio, come gli impianti di videosorveglianza, che devono essere ampliati ed estesi alle zone scoperte, coinvolgendo anche le aree di Cava dei Tirreni, della Valle dell'Irno e della Costiera amalfitana".

 

 

Ultima modifica il
ASD APS Partizan Salerno. C. F. 95152990651. Sede operativa: via Cristoforo Capone 47, Salerno 84135. R.V.G.N 160/2013. Registrato presso il tribunale di Salerno il 28/02/2013 Registro stampa n. 4/2013 R.V.G. 160/2013 Cronologico n.401/2013.

Contatti: Gazzettino di Salerno

Sito Web realizzato da: Webartis di Silvio Caricasole