Gazzettino di Salerno

Martedi, 24 Aprile 2018  15:06:54
A+ A A-

"Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano". A dichiararlo, nel 1917, fu Antonio Gramsci. Sono passati più di cento anni da allora e per molti di noi le cose stanno ancora così. Per questo motivo, l'ASD APS Partizan Salerno ha deciso di organizzare tre appuntamenti nel Comune di Pellezzano, in provincia di Salerno, per celebrare la Festa del 25 Aprile, in collaborazione con il Forum dei Giovani di Pellezzano e i circoli territoriali di: ANPI, ARCI, CGIL, UISP, Legambiente, Arcigay, Emergency e l'Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba.

“Siamo felici di ospitare queste iniziative nella nostra sede, poche settimane dopo l’inaugurazione del nuovo consiglio - ha detto Orlando Giliberti, presidente del Forum dei Giovani di Pellezzano - Abbiamo scelto tre date per celebrare il 25 Aprile affinché possano partecipare i cittadini pellezzanesi di tutte le età”.

“L’ANPI Salerno non poteva mancare all’appuntamento - ha affermato Luigi Giannattasio - Siamo felici ed orgogliosi che la provincia di Salerno si stia mobilitando per celebrare al meglio la festa del 25 Aprile. Sono tanti, infatti, gli eventi in programma nel nostro territorio. Ringrazio l’ASD APS Partizan Salerno per aver sostenuto la Causa”.

“Il nostro obiettivo è quello di trasmettere alla cittadinanza, attraverso la cultura e lo sport, i valori su cui si fondano la nostra repubblica e la nostra democrazia - ha dichiarato il presidente della ASD APS Partizan Salerno, Vincenzo Iannone - Ringrazio il Comune di Pellezzano, i ragazzi del Forum e tutte le associazioni che hanno aderito alle nostre iniziative”.

Ecco gli eventi in programma:

- 26 aprile alle ore 18:00 al centro sociale di Pellezzano: Calcio antifascista - Proiezione del film dal titolo "Fuga per la vittoria" (1981), diretto da John Huston. Gli ospiti d'onore saranno i bambini delle scuole calcio locali.

Presenta Vincenzo Iannone (Il Gazzettino di Salerno). Intervengono: Luigi Giannattasio (ANPI Salerno), Carmine Calvanese (UISP Salerno), Orlando Giliberti (Presidente Forum dei Giovani Pellezzano).

- 27 aprile alle ore 18:00 al centro sociale di Pellezzano: Autodeterminazione dei popoli - Proiezione del film dal titolo "Le quattro giornate di Napoli" (1962), diretto da Nanni Loy. Sarà allestita una mostra fotografica dell'ANPI Salerno.

L'Italia ripudia la guerra - Intervengono: Luigi Giannattasio (ANPI Salerno), Tonino Masullo (storico), Dott. Giuseppe Fiordelisi (Emergency Campania), Antonio D'Auria (Legambiente Valle dell'Irno). Modera Vincenzo Iannone (Il Gazzettino di Salerno).

- 29 aprile alle ore 21:00, al campo sportivo 433 di Capezzano fraz. di Pellezzano (SA): Diamo un calcio alla violenza - partita antirazzista, contro l'omofobia e la violenza di genere organizzata dall'ASD APS Partizan Salerno, in collaborazione con l'UISP Salerno.

Presenta Vincenzo Iannone (Il Gazzettino di Salerno). Intervengono: Luigi Giannattasio (ANPI Salerno), Carmine Calvanese (UISP Salerno), Francesco Napoli (Arcigay Salerno).

L'ASD APS Partizan Salerno ha lanciato una campagna di raccolta fondi per sostenere le iniziative in programma. Per dare il tuto contributo, clicca qui: https://www.produzionidalbasso.com/project/25-aprile-le-3-giornate-di-pellezzano/

Pubblicato in Partizan Salerno

Si è tenuta ieri, nella sede della CGIL Salerno, in via Manzo, l’assemblea pubblica organizzata dall’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia. Presentato da Luigi Giannattasio, l’incontro ha avuto un ospite d’eccezione.

“Il nostro è un Paese antifascista, non credo che ci sia un pericolo di un ritorno al passato – ha dichiarato il Presidente nazionale dell’ANPI, Carla Nespolo - la Resistenza è la base della vita civile e democratica di oggi. Ma credo che oggi ci sia ancora bisogno di resistenza e di resistenti, perché ci sono risorgenti fascismi. C’è un razzismo diffuso a piene mani anche da parte di partiti politici che hanno avuto consenso elettorale. La situazione è impegnativa, preoccupante ma non ci fa paura”.

 

 

Pubblicato in Storia

Il Presidente Regionale di Fratelli d’Italia della Campania, Antonio Iannone, rende noto agli organi d’informazione che il Presidente Nazionale del Partito, l’On. Giorgia Meloni sarà in Campania domani, mercoledì 14 febbraio 2018. Alle ore 11,30 sarà a Salerno nel quartiere Torrione alla via Gaurico, dove deporrà fiori al monumento dei caduti delle Brigate Rosse (qui vennero assassinati, il 26 agosto 1982, gli agenti di PS, Antonio Bandiera e Mario De Marco, ed un caporale dell’esercito, Antonio Palumbo). Le Brigate Rosse avevano assaltato un convoglio militare per impadronirsi delle armi da guerra, il Caporale Palumbo reagì e fu subito ammazzato, la polizia intervenne e Bandiera fu subito ucciso mentre De Marco fu ferito gravemente e morì 4 giorni dopo in ospedale a Napoli. Ci furono anche 6 feriti.

Un omaggio a tutti gli Uomini dello Stato il cui sacrificio non sarà mai dimenticato da chi rappresenta la vera destra. Al termine della cerimonia, alla quale prenderanno parte i candidati al Parlamento, i Dirigenti e i militanti di Fratelli d’Italia, l’On. Meloni farà una passeggiata tra strade e negozi del popoloso quartiere di Torrione per incontrare simpatizzanti ed elettori e spiegare le specificità del programma di governo del Partito.

Al termine della visita salernitana l’On. Meloni si trasferirà a Napoli dove alle 14 visiterà la quarantacinquesima edizione del Nauticsud presso la Mostra d’Oltremare. Il Nauticsud è il grande spettacolo del mare dove sono in esposizione: imbarcazioni a motore, gozzi, gommoni, accessori per la nautica, moto d’acqua, tavole a vela, canoe e derive, servizi. Organizzato in collaborazione con l’A.N.R.C. (Associazione Nautica Regionale Campana).

VISITA MELONI A SALERNO, IANNONE (FDI): «MELONI NON RIESUMA NESSUNO SPETTRO DEL FASCISMO, IL NOSTRO E’ UN OMAGGIO ALLA MEMORIA DEGLI UOMINI DELLO STATO»

Il Presidente Regionale e capolista al Senato nel Collegio Campania 3, Antonio Iannone, replica alle stupefacenti dichiarazioni di Adinolfi. In una nota stampa ha dichiarato: «Le affermazioni di Adinolfi sono stupefacenti. Se ha bisogno di riflettere per giungere a conclusioni assolutamente sballate, gli consiglio di rinunciare all’immane sforzo. La visita di Giorgia Meloni a Salerno vuole essere un omaggio a coloro che hanno sacrificato la propria vita per rappresentare lo Stato. Non si capisce da cosa si desuma la volontà di riesumare il fascismo: in quel tragico 26 agosto 1982, in via Parisi, a Salerno, non vennero trucidati dei gerarchi fascisti, ma vennero ammazzati due agenti di Pubblica Sicurezza e un caporale dell’Esercito. Invitiamo Adinolfi a venire con noi invece di blaterare, probabilmente a scopo di uscire dall’anonimato politico. Evidentemente, chi accusa di strumentalizzazioni è egli stesso artefice della ricerca di una visibilità che vorrebbe consumarsi parlando di altrui iniziative. Mai come in questo momento, i nostri Uomini in divisa hanno bisogno di sentire la vicinanza di quelle forze politiche, da sempre sensibili al tema dell’impegno per la legalità e di tutela dello Stato. Le iniziative che portiamo avanti, sempre e non solo in campagna elettorale, sono inspirate costantemente dal valore del riconoscimento della Patria e di coloro che la difendono. Con Giorgia Meloni, che ringraziamo per l’insospettabile impegno, siamo schierati oggi giorno con i nostri Militari e le Forze dell’Ordine, incredibilmente penalizzati dalla mancanza di sostegno da parte dei governi a maggioranza PD».

Francesco Ianniello (Pagani) e Assunta Alfano (Mercato S. Severino) nuovi portavoce

Nominati i portavoce di Fratelli d’Italia nei comuni di Pagani e Mercato San Severino: si tratta, rispettivamente, del prof. Francesco Ianniello e della dott.ssa Assunta Alfano. La nomina è stata ufficializzata, nella giornata di oggi, dai tre portavoce provinciali del partito Imma VietriUgo Tozzi e Nanni Marsicano.

«Continua il lavoro di strutturazione e riorganizzazione del partito sul territorio – spiegano soddisfatti i vertici provinciali del partito – A Ianniello e Alfano vanno i nostri auguri di buon lavoro, certi delle loro capacità nel portare avanti sul territorio il progetto politico di cambiamento delineato dal presidente Giorgia Meloni e fornire un contributo importante alla crescita di Fratelli d’Italia».

Da tempo impegnato attivamente nella vita politica di Pagani, il prof. Francesco Ianniello è storico esponente cittadino di destra; la dott.ssa Assunta Alfano, invece, a Mercato San Severino ha ricoperto il ruolo di consigliere comunale (2004-2009) e di assessore (2009-2014) occupandosi di Pubblica Istruzione, Spettacolo, Sport e Pari Opportunità.

Con la nomina dei due nuovi portavoce continuano, così, le designazioni dei referenti del Partito nelle zone identitarie del salernitano senza trascurarne alcuna. «Fratelli d’Italia nella nostra provincia è un Partito nel quale non esiste un centro ed una periferia – precisano Vietri, Marsicano e TozziVogliamo dare voce a tutti i Comuni recuperando una funzione della politica che coniughi l’appartenenza valoriale ad un’azione concreta».

Pubblicato in Politica

Egregio Signor Ministro,

Mi aggrada cogliere l'occasione della sua permanenza a Salerno per esprimerLe la preoccupazione della Cgil provinciale per il grave clima di tensione e per le nuove vecchie forme di fascismo che in questi giorni si stanno moltiplicando nel Paese. Nella giornata odierna, a Salerno ed in tutta Italia, la Cgil è impegnata in una capillare iniziativa di sensibilizzazione finalizzata a porre un argine alla preoccupante crescita di gesti e di violenze fasciste. Sentir parlare di giustizia ed accostare tale termine agli episodi di Macerata ci lascia francamente basiti. 

Lì siamo davanti ad un chiaro atto di delinquenza fascista che non può nemmeno lontanamente essere accostato ad alcun sentimento di giustizia.

Ci preoccupa, Signor Ministro, dover constatare che quell'efferato episodio di violenza viene giustificato, esaltato e rivendicato da alcune formazioni partitiche che tentano di darne dignità politica. 

La Cgil quindi è impegnata, insieme a tutte le altre forze democratiche, a vigilare e sconfiggere ancora una volta qualsiasi pratica e militanza politica che si richiami al partito fascista. 

La Cgil, come tutte le forze democratiche, rimane vincolata alla nostra moderna e lungimirante costituzione. E lì, Egregio Signor Ministro, che risiedono tutti gli elementi giuridici per mettere fuori legge le formazioni politiche di chiaro stampo fascista. 

Fondare partiti fascisti, assumere violente pratiche politiche che ne esaltano l'ideologia, è un reato: così hanno sancito i nostri padri costituenti!! 

Le chiedo quindi se non sia giunto il momento di sollecitare gli organismi preposti e dichiarare fuori legge queste formazioni, che in queste ore pretendono di manifestare nelle nostre città. 

Il fascismo, evidentemente, non è una fase storica definitivamente superata, ma sollecita un contrasto, una costante militanza antifascista ed una vigilanza democratica alla quale occorre, a nostro modo di vedere, aggiungere le opportune e necessarie iniziative istituzionali previste dalla nostra carta costituzionale e dalle leggi dello Stato.

La Cgil di Salerno, unitamente alle altre associazioni democratiche del territorio, Le chiede di intervenire con determinazione e con la fermezza del caso che la pesante situazione impone.

Con osservanza,

 

Arturo Sessa - Segretario Generale Cgil Salerno

 

Pubblicato in Lavoro

Giacomo Matteotti

Il fascismo non è un’opinione come le altre, è un crimine.

Pubblicato in Pensieri del passato

"Nel maldestro tentativo di screditare le forze dell'ordine, che ogni giorno garantiscono la sicurezza degli italiani, gli intellettuali di sinistra hanno non solo confermato un'intollerabile ossessione verso il mondo della destra ma rivelato un'ignoranza senza precedenti". E' quanto afferma in una nota Edmondo Cirielli, deputato di Fratelli di Italia, esprimendo solidarietà ai carabinieri della caserma Baldissera, dove ha sede il 6/o Battaglione dei carabinieri, finiti al centro delle polemiche per l'esposizione di una bandiera della marina imperiale tedesca scambiata per una bandiera del terzo Reich.

"Emilio Fede - ironizza Cirielli - avrebbe apostrofato i noti intellettuali con la tradizionale frase: Che figura di m...". "Era del tutto evidente che non si trattava di una bandiera del terzo Reich visto che non c'era la svastica ma il simbolo della marina imperiale tedesca risalente alla prima guerra mondiale quando il nazismo non esisteva" - conclude Cirielli - annunciando l'intenzione di promuovere "una colletta per finanziare un corso di storia agli intellettuali di sinistra".

 

 

 

Pubblicato in Politica

La violenta incursione di Forza Nuova nel Consiglio Comunale di Salerno del 31.10.2017 è l’ultimo degli innumerevoli episodi che caratterizzano la presenza di gruppi fascisti nella città e nella provincia di Salerno: le “passeggiate per la sicurezza”, i saluti romani, i manifesti e i volantini inneggianti all'odio nei confronti dei cittadini immigrati rappresentano palesi rappresentazioni di violazione della Costituzione, la cui pericolosità l’ANPI ha da tempo denunciato alle Istituzioni (Comuni, Questura e Prefettura) chiedendo azioni adeguate di contrasto.

Riteniamo che occorre intervenire con fermezza, ciascuno per la propria parte, per bloccare tali manifestazioni che si configurano come “campagne” nazionali di propaganda di idee fasciste e antidemocratiche che sappiamo quanti lutti e miseria abbiano in passato causato al nostro paese.

Il contrasto efficace a questa ideologia di violenza è compito di tutti i cittadini e, in primo luogo delle Istituzioni che devono essere concretamente a garanzia e a difesa della Costituzione, improntando tutte le loro azioni ed espressioni verbali in coerenza con i principi dell’antifascismo, della democrazia, dell’eguaglianza e della solidarietà.

Per questo chiediamo alle Istituzioni, ciascuna per la propria competenza, di attivare azioni concrete, provvedendo a rimuovere gli orribili manifesti, tutti affissi fuori degli spazi consentiti, inneggianti all’odio razziale ed etnico e a perseguire i responsabili, monitorare la presenza dei gruppi fascisti, non autorizzare iniziative palesemente anticostituzionali.

Chiediamo ai Comuni della nostra provincia, a partire dal Comune di Salerno, di adottare, come hanno già fatto altre città d'Italia, un “Atto di indirizzo politico-amministrativo” dei Consigli Comunali con l'obiettivo di non lasciare spazio, sotto qualsiasi forma, a manifestazioni di associazioni ed organizzazioni dichiaratamente razziste, xenofobe, omofobe e antidemocratiche, promuovendo iniziative culturali in collaborazione con le scuole e nei luoghi di aggregazione affinché sia mantenuta la memoria storica e si affronti il problema dei nuovi fascismi; adeguando i regolamenti comunali (occupazione suolo pubblico, concessione spazi e sale comunali) a tali principi anche al fine di includere, al momento della richiesta una dichiarazione esplicita di riconoscimento dei valori antifascisti espressi nell'ordinamento repubblicano.

Sappiamo cosa sono stati il fascismo e il razzismo nel nostro paese. Abbiamo tutti il compito di fermarli subito!

Per il Comitato Provinciale dell’A.N.P.I di Salerno,

Il Presidente Luigi Giannattasio

Pubblicato in Politica

Ieri, in tutto il Paese, l’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia ha tenuto una marcia antifascista. A Salerno l’iniziativa si è svolta con la deposizione di fiori ai piedi della statua di Giovanni Amendola, in corso Garibaldi, in ricordo delle vittime della violenza fascista. Un corteo ha attraversato il centro cittadino fino ad arrivare a piazza Portanova, dove si è tenuto un incontro con la cittadinanza.

“C’è stata una provocazione – ha spiegato Luigi Giannattasio, segretario ANPI Salerno - da parte di Forza Nuova nel riproporre, novantacinque anni dopo, una nuova marcia su Roma. E’ un affronto alle istituzioni democratiche del nostro Paese che si richiamano ai valori della Resistenza, sulla quale si fonda la nostra Costituzione”.

L’ANPI, con il supporto di diversi partiti politici, associazioni, sindacati, movimenti democratici ha dato una grande risposta in maniera civile e democratica. E’ stata una mobilitazione per dire un no al fascismo, al razzismo, alla xenofobia e all’omofobia.

“Ringraziamo quanti hanno raccolto l’appello qui a Salerno, Cgil, Cisl, Uil, Arci, Sinistra Italiana, il Partito Comunista”, ha dichiarato Giannattasio. “Insieme dobbiamo costruire una risposta che significa costruire la pace, la democrazia, la solidarietà, la libertà e la giustizia sociale nel nostro Paese”.

“Visti anche gli ultimi episodi di razzismo negli stadi di calcio, è importante sensibilizzare le persone e soprattutto i più giovani attraverso una corretta educazione, informazione e pratica sportiva”, ha concluso il rappresentante dell’ANPI Salerno.

 

Marcello D’Ambrosio

Pubblicato in Politica

Sarà una giornata di mobilitazione per Sinistra Italiana Salerno, sabato 28 ottobre. Una giornata per continuare a tenere il filo della politica locale e nazionale. Si parte alle ore 17.00, appuntamento in piazza Portanova, per partecipare insieme all’ANPI, organizzatrice dell’evento, alla manifestazione “L’Antifascismo in marcia”.

Alle 18.30 ci si sposta in via Davide Galdi, 10, quartiere Mercatello a Salerno, presso la nuova sede della federazione di salernitana di Sinistra Italiana, che verrà inaugurata con la presentazione della campagna nazionale di Sinistra Italiana #ribaltiamoiluoghicomuni: 

http://www.sinistraitaliana.si/notizia/ribaltiamo-luoghi-comuni-la-nostra-campagna-informazione/

A seguire l’assemblea popolare QUESTA ME LA PAGHI!, un’assemblea che punta il faro sulle varie realtà del mondo del cosiddetto lavoro povero, il lavoro sfruttato e senza diritti.  Troppi non lavorano, molti altri lavorano troppo, moltissimi pur lavorando sono poveri. Tantissimi, specialmente giovani, passano da un lavoro all’altro senza raggiungere condizioni dignitose e senza accantonare contributi adeguati per la pensione. Nessuno è garantito e nessuno ha un futuro garantito, ribaltiamo i numerosi luoghi comuni: i professionisti a p.iva, gli avvocati, i giornalisti, i postali, gli ambulanti, gli operatori sociali e sanitari, gli insegnanti, le commesse e le commercianti, le artigiane, gli agricoltori e i ristoratori, i ricercatori e gli studenti impiegati nell'alternanza scuola-lavoro in assemblea. 
Molto deve cambiare nelle nostre città, in Italia, in Europa: il lavoro si paga. 

Sono invitate a raccontare la loro esperienza, nell’ottica dell’unità sociale del mondo del lavoro, quelle resistenze presenti sul territorio che vivono tale disagio.

Parteciperà alle iniziative il deputato Giovanni Paglia, segreteria nazionale di Sinistra Italiana, che raccoglierà le denunce e le vertenze.

In allegato la locandina della giornata. Per ulteriori informazioni sulla campagna nazionale di Sinistra Italiana visita il sito: 

http://www.sinistraitaliana.si/notizia/22485/

Pubblicato in Politica

L'ANTIFASCISMO IN MARCIA ANCHE A SALERNO

Il Comitato Provinciale dell'ANPI di Salerno il 28 ottobre 2017  in occasione dell'iniziativa nazionale "L'ANTIFASCISMO IN MARCIA" promossa dalla Segreteria Nazionale dell'ANPI, 95 anni da quando i fascisti marciarono su Roma con l'intento di istituzionalizzare la loro ideologia di violenza e morte. 
Oggi qualcuno tenta di riportare indietro l'orologio della storia per ricostituire un'Italia incivile, dello squadrismo e del razzismo. L'ANPI dice NO al fascismo, al razzismo, alla xenofobia, all'omofobia
"Chiediamo a tutti i cittadini, alle associazioni, ai partiti e ai movimenti democratici di lottare insieme contro la ripresa del fascismo in tutte le sue forme, per la democrazia, la pace, l''eguaglianza e la solidarietà, valori fondamentali della nostra Costituzione".
Domani, alle 17:30, a C.so Garibaldi (altezza Tribunale), ci sarà la deposizione di fiori alla statua di Giovanni Amendola in ricordo delle vittime della violenza fascista. Allore ore 18:00, a Piazza Portanova, ci sarà l'incontro con la cittadinanza.
Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 5
ASD APS Partizan Salerno. C. F. 95152990651. Sede operativa: via Cristoforo Capone 47, Salerno 84135. R.V.G.N 160/2013. Registrato presso il tribunale di Salerno il 28/02/2013 Registro stampa n. 4/2013 R.V.G. 160/2013 Cronologico n.401/2013.

Contatti: Gazzettino di Salerno

Sito Web realizzato da: Webartis di Silvio Caricasole