Gazzettino di Salerno

Giovedi, 21 Giugno 2018  09:33:24
A+ A A-

Ha avuto inizio oggi presso la sede salernitana di Via Roma di Fratelli d'Italia la Scuola di formazione politica, presentata la scorsa settimana dall’On. Edmondo Cirielli e dal Sen., diretta dai prof. Gherardo Marenghi e Marcello Feola, e dall’ing. Giovanni Fortunato, responsabile del settore Enti Locali. Ospite il prof. Augusto Sinagra, ordinario di diritto dell'Unione Europea che ha intrattenuto il numeroso pubblico sul tema della difesa della sovranità nazionale.

A prendere parte alla lezione anche i dirigenti di partito, tra cui il coordinatore provinciale Imma Vietri, il portavoce di collegio Rino Esposito, la portavoce cittadina Elena Criscuolo e i ragazzi di Gioventù Nazionale. L'argomento è stato affrontato nella triplice prospettiva storica, politica e giuridica, coinvolgendo la partecipazione dei presenti che hanno posto domande concernenti anche la delicata situazione attuale legata alle sorti del governo nascituro.

Pubblicato in Politica

“Oggi più che mai serve all’Italia un governo di centrodestra in ossequio alla  volontà popolare e che difenda gli interessi nazionali”, lo afferma in una nota Edmondo Cirielli, deputato di Fratelli di Italia e Questore della Camera dei Deputati e coordinatore della Direzione Nazionale del Partito , commentando la proposta di bilancio 2021-2027 avanzata dalla Commissione europea.

“L’Italia, il Mezzogiorno e in particolare la provincia di Salerno rischiano di pagare un prezzo altissimo per l’atteggiamento infantile e poltronistico del M5S che, inseguendo la guida del Governo a tutti i costi non esita ad usare i tanto vituperato inciuci della Prima Repubblica per impadronirsene. In tal modo spinge il Paese nell’ingovernabilità, lasciando mano libera alla peggiore Europa tecnocratica  che vorrebbe aumentare i fondi per l’accoglienza degli immigrati, sottraendoli al Mezzogiorno e all’Agricoltura”, spiega Cirielli.

“Questo scenario rappresenterebbe un furto ai danni dei cittadini del Sud. Furto che Fratelli di Italia proverà a impedire, lavorando per dare all’Italia un esecutivo che ponga al centro dell’agenda politica la difesa dell’interesse nazionale. I Cinque Stelle se davvero non sono interessati alle poltrone potrebbero astenersi e controllare l’operato della maggioranza mettendo così l’Italia nelle condizioni di avere un governo”, conclude il Questore della Camera dei Deputati.

Pubblicato in Politica

Fratelli d'Italia contrario allo stanziamento di fondi pubblici a sostegno del gaypride organizzato a Salerno. Sulla questione, che sta suscitando non poche polemiche, è intervenuto il portavoce provinciale del partito, Imma Vietri.

«Ancora una volta l’amministrazione salernitana a guida Pd – commenta Imma Vietricon prepotenza intraprende azioni senza tener conto della volontà dei cittadini stanziando con delibera di giunta un importo di 2500 euro e dimenticando che notoriamente eventi del genere comportano rischi in termini di ordine pubblico. Oggi si è creato un precedente, mi auguro che altrettanto sostegno finanziario venga dato ad iniziative dedicate alla centralità della famiglia tradizionale, quella composta da un uomo e una donna, di cui saremo i promotori e ad altrettante iniziative proposte da diverse associazioni presenti sul territorio».

Il portavoce cittadino di FdI, Elena Criscuolo, intanto ha sottolineato come il contributo stanziato per la manifestazione poteva essere destinato alla risoluzione di problemi maggiormente prioritari.

«2.500 euro per il gay pride a Salerno - dichiara Elena Criscuolo - pur costituendo un piccolo contributo, essendo soldi dei cittadini, pesano tanto per la collettività salernitana che fa i conti ogni giorno con tributi locali tra i più elevati d'Italia, tra mille disservizi e disagi quotidiani. Nulla contro il gay pride, ma in un momento così difficile per l'economia del paese, il Comune dovrebbe mostrare più rispetto per i soldi dei cittadini».

In merito alle precisazioni dell’assessore Mariarita Giordano sulla questione gay pride il segretario provinciale della LEGA precisa:

"Il Comune di Salerno ha stanziato un contributo di 2.513,20 euro su richiesta del presidente dell’Associazione Arcigay di Salerno che sta organizzando per il 26 maggio il Salerno Pride 2018, manifestazione alla quale, è scritto nel documento adottato dal Comune (il n. 154 del 23/04/18, settore Affari Generali) “parteciperanno numerose associazioni, enti, gruppi e movimenti”. Il presidente dell’Arcigay ha chiesto che il Comune “per la buona riuscita della manifestazione” si facesse carico delle spese “per la stampa del materiale pubblicitario (872 euro); per merchandising (260 euro); per service audio e luci palco (928 euro)” e che patrocinasse l’evento. Il redivivo assessore Mariarita Giordano fa allora ancor più brutta figura quando dice che il Comune ha solo “elargito un contributo per finanziare i servizi” tentando quindi di relegare l’intervento ad un dettaglio tecnico e alquanto marginale. No, il Comune scegliendo di patrocinare e sovvenzionare questa manifestazione ha fornito un preciso ed univoco segnale di indirizzo politico. E’ la stessa nota del settore Affari Generali a comunicarlo a chiare lettere: “Premesso che l’Amministrazione comunale ha fornito per le vie brevi le indicazioni relative alle manifestazioni da realizzare nell’anno in corso… Visto che l’iniziativa è conforme alle indicazioni fornite, la Giunta comunale intende sostenerla facendo assumere a carico del Comune la spesa complessiva di 2.060 euro oltre Iva al 22% di 453.20 euro per un importo totale di 2.513.20 euro…”.  

L’assessore Giordano afferma poi che “non ci sarà una sfilata carnevalesca ma ci sarà un gruppo di persone che si aggregheranno”: considerata però l’annunciata presenza in città di numerose associazioni, enti, gruppi e movimenti, gli organizzatori hanno ricevuto e trasmesso al Comune il necessario nulla osta all’iniziativa da parte della Questura?

Apprendiamo infine dall’assessore Giordano che, salvaguardando i diritti naturali, noi ‘salviniani’ dimostriamo di essere ‘inadeguati’ ad assumere funzioni di governo. Bene, lo dicesse ai milioni di cattolici che difendono la sacralità del matrimonio, che ritengono profondamente sbagliato insegnare a bambini ancora formati che non esistono i sessi proponendo con una teoria-gender distruttiva della crescita. La LEGA difende la famiglia naturale; difende mamma e papà e non genitore 1 e genitore 2 ed il diritto dei bambini a crescere e svilupparsi nella famiglia tradizionale. E non sarà certo l’imposizione di precetti sbagliati da parte dell’Unione Europea a mutare la nostra visione. In verità a me pare che, due mesi fa, ad essere stati giudicati inadeguati dagli italiani siano stati proprio la sinistra e la loro scelta di condividere battaglie ideologiche e clientelari lontanissime dai problemi reali della gente e del paese".

Adinolfi (Pdf):  "Pronti al confronto, diamo ad Alfie la cittadinanza onoraria di Salerno"

Il Popolo della Famiglia è pronto ad un confronto sui temi del gaypride. A rilanciare il dibattito è il segretario regionale del Pdf, Raffaele Adinolfi. Scrive Arcigay per stoppare le polemiche: "Non sarà un pride contro qualcuno che esclude qualcuno come vogliono fare Adinolfi e Lega, ma sarà una festa che unisce e non che divide". 

"Preciso che hanno stravolto (e non ne hanno diritto) il mio pensiero ed infatti sono d'accordo con le feste che uniscono e  sono pronto al confronto. Rilancio per unire: Accettate il confronto invitate me o Mario Adinolfi ad un dibattito paritario e pubblico con la Cirinnà. Noi siamo per il confronto. Sostenete la mia richiesta di concedere la cittadinanza onoraria di Salerno al piccolo concittadino italiano ALFIE Evans. Noi siamo per la vita Sostenete la mia richiesta di erogazione del contributo (peraltro già deliberata dal consiglio) per la riaccensione della Croce di San Liberatore. Noi siamo per i simboli identitari e storici che uniscono tutta la città".

Pubblicato in Politica

"L'Italia presenta "un'aspettativa di vita fra le più alte in ambito europeo, occupa il secondo posto per gli uomini e il quarto per le donne: la speranza di vita (indicatore sintetico della qualità delle condizioni di vita) nasconde tuttavia l'esistenza di disuguaglianze a livello territoriale, riassumibili in uno svantaggio del Mezzogiorno di circa un anno rispetto al resto del Paese, che diventano circa tre considerando gli estremi della provincia autonoma di Trento (valore più alto) e la Campania (valore più basso)". Così l'Istat in 'Noi Italia'. Il rapporto dice anche altro. Cala il numero di reati ma non per la Campania. L'Istat evidenzia che "persistono le differenze territoriali: l'incidenza maggiore di omicidi si registra in Campania che si conferma anche la regione con il tasso di rapine più alto (135,4 per centomila abitanti); il Nord-ovest presenta i tassi più elevati per i furti denunciati (2.619,2 per centomila abitanti, rispetto a circa 1.700 nel Mezzogiorno)". A riportare la notizia è l'ANSA.

Il Senatore di Fratelli d’Italia, Antonio Iannone, ha dichiarato: “Anche il rapporto ISTAT certifica il fallimento totale di De Luca e del PD in Campania. Ora siamo veramente ultimi, cioè i peggiori in un Italia che va molto male: in Campania un cittadino su quattro è in grave disagio economico. Questa è la realtà dopo tre anni di governo regionale targato De Luca, le buffonate e le promesse di rivoluzione di tutti settori trovano solo questo disastroso riscontro. Mai più ultimi era il suo slogan, mai peggio di così è la realtà”.

Pubblicato in Politica

Bagno di folla, sabato 21 Aprile, per l’inaugurazione del Comitato Elettorale della lista “Impegno Civico – Morra Sindaco”, guidata dal Candidato Sindaco Francesco Morra, tenutasi in via Vittorio Emanuele alla frazione Coperchia di Pellezzano. Tra i partecipanti figuravano il Senatore Alfonso Andria, l’On. Anna Petrone, il Segretario del PD Provinciale di Salerno Vincenzo Luciano, il Consigliere Regionale Luca Cascone, oltre ad alcuni candidati e sostenitori di “Impegno Civico”. “Trasformare in realtà un progetto di vita comune”. Con questo slogan la civica guidata da Morra apre la campagna elettorale per le amministrative del prossimo 10 giugno.

“Grazie ai tanti amici che in questo periodo particolare che caratterizza Pellezzano – esordisce Morraci sosterranno per portare la soluzione migliore per un cambiamento epocale nel nostro territorio. Senza ipocrisia e senza alcun timore ci stiamo interfacciando con qualsiasi forza politica per allestire una compagine formata da esponenti di spicco della vita politico-istituzionale in grado di offrire competenze e professionalità al servizio dei cittadini”.

“C’è purtroppo chi ancora si lecca le ferite pensando possano esserci gli inciuci – sottolinea il Candidato Sindaco – E’ giusto sottolineare che noi non siamo per gli inciuci, ma per un progetto civico per il bene comune di Pellezzano. In politica non esiste il tradimento. Diffidate da chi ancora oggi sostiene il tradimento, perché in politica si fanno delle scelte. Il sottoscritto da 15 anni ha scelto di lavorare a un progetto di sviluppo del territorio di Pellezzano e nel momento in cui si è presentata l’esigenza di un cambiamento, è stata fatta la scelta, da parte mia e di altri colleghi, di abbandonare le poltrone pur di appoggiare il bene comune. Se avessi l’onore di essere eletto Sindaco di Pellezzano sarò orgoglioso di rappresentare il mio Comune al di fuori dei confini territoriali, assumendomi tutte le responsabilità per ridare slancio e vitalità al nostro territorio”.

Il Comitato Elettorale sarà aperto tutti i giorni e verrà presieduto dal dott. Fabio Croce; il coordinatore della campagna elettorale sarà l’avvocato Massimo Rotondi. Dunque, una squadra compatta, costituita da uomini e donne che intenderanno offrire il proprio sostegno, non solo a favore del Candidato Sindaco Morra, ma innanzitutto del progetto sostenuto da tanti cittadini.

In ultimo, Morra ha voluto sottolineare l’impegno di mettere in piedi un programma elettorale di sostanza, evitando quello che in molte campagne elettorali si presenta come il classico “libro dei sogni”, lasciando spazio, invece, alla realizzazione dei servizi essenziali per i cittadini. Inoltre, il Comitato Cittadino, non sarà una sede operativa, ma un luogo di accoglienza per tutti coloro che intenderanno presentare istanze di miglioramento del territorio e proposte concrete sulle quali realizzare lavori di programmazione in una comunione di intenti.

Pubblicato in Valle dell' Irno

In occasione delle prossime Elezioni Politiche del 4 marzo 2018, i seggi 14 e 15 sono trasferiti dalla SCUOLA MATERNA COMUNALE “PIANTANOVA” di Piazza G. Matteotti al LICEO “REGINA MARGHERITA” di Via G. Cuomo, a Salerno.

Si Invitano, pertanto, gli elettori interessati di andare a votare nella nuova sede anche se sulle tessere elettorali sono riportate le precedenti ubicazioni.

Pubblicato in Politica

“Fratelli d’Italia sentinella del Made In Italy”. È questa l’esortazione che arriva dal Presidente Giorgia Meloni e colta a pieno dalla portavoce cittadina di Vietri Sul Mare, Tiziana Benincasa che – in collaborazione con la coordinatrice provinciale del partito, Imma Vietri – ha organizzato l’incontro dal titolo “La tutela del made in Italy, dalla ceramica vietrese alla pesca del tonno” tenutosi venerdì pomeriggio presso il Comune di Vietri Sul Mare e al quale hanno preso parte il candidato alla Camera dei Deputati Gennaro Esposito, il capolista al Senato della Repubblica Antonio Iannone e il capolista alla Camera dei Deputati Edmondo Cirielli.

«Nessuno può imitare la qualità dei nostri prodotti, allora la mettono sotto attacco, dalle direttive della burocrazia europea ai Paesi che fanno concorrenza sleale. È ora che un governo di patrioti si batta per la difesa dell’eccellenza italiana». È quanto ha scritto il Presidente di FdI, Giorgia Meloni, nella sua lettera agli elettori ed è quanto i rappresentanti locali del partito hanno sostenuto nel corso dell’incontro, applicando il concetto alla tutela delle ceramiche vietresi e del tonno di Cetara.

«La qualità della vita e il gusto del bello sono concetti che nascono in Italia – ha spiegato l’On. Edmondo Cirielli al folto pubblico presente – Eppure si è fatto poco e nulla finora per tutelare il Made in Italy e agevolarne l’esportazione. C’è bisogno di leggi adeguate che consentano da un lato di valorizzare la divulgazione all’estero dei nostri prodotti e dall’altro di garantirne la qualità bloccando una volta per tutte il fenomeno della contraffazione. Dobbiamo difendere la nostra storia e la nostra italianità».

«È triste constatare che abbiamo un patrimonio che non abbiamo saputo tutelare – ha aggiunto Antonio IannoneDobbiamo essere coscienti e orgogliosi delle nostre eccellenze per poterle valorizzare e creare così nuove opportunità di lavoro per i nostri giovani».

A Gennaro Esposito, infine, il compito di illustrare ai presenti il contenuto del piano nazionale “Valore Italiano”, con il quale Fratelli d’Italia ha inteso porre l’accento sia sull’arte ceramica di Vietri Sul Mare che sulla pesca del tonno rosso di Cetara. «Per la ceramica prevediamo: l’istituzione dei distretti dell’artigianato artistico che garantiscano la qualità e l’originalità dei prodotti; l’inasprimento delle pene per i contraffattori e l’istituzione di un fondo da 10 milioni di euro per la tutela del Made in Italy sui mercati online – ha spiegato EspositoPer il tonno rosso proponiamo: l’inserimento in Costituzione di una clausola di supremazia per bloccare tutti i provvedimenti, provenienti da Bruxelles, dannosi per gli interessi nazionali; la ripresa, dall’avvio della prossima legislatura, del lavoro parlamentare in materia di modifica delle sanzioni».

Al termine dell’incontro ciascun candidato ha apposto la propria firma su un piatto in ceramica vietrese per sugellare simbolicamente l’impegno preso a tutela delle eccellenze artigianali locali.

Pubblicato in Politica

"La notte del 31 dicembre due aziende (Masseria Eliseo e l’Azienda Bellelli) del comparto bufalino, due eccellenze del nostro territorio sono state vittime di un'azione criminale. Adoggipurtroppo devo constatare che a quasi due mesi dall'incendio dei due fienili a Capaccio nonostante i grandi sforzi delle forze di polizia i responsabili non sono stati individuati. Ne' pare sia stata chiarita la matrice del raid". E' quanto denuncia Edmondo Cirielli, deputato di Fratelli di Italia e capolista alla Camera nel collegio plurinominale di Salerno.

"Oltre alla solidarietà di facciata del Comune, penso invece sia compito delle Istituzioni non solo garantire tutto il sostegno politico e umano ai due imprenditori ma attivarsi con gli strumenti che la legge mette a disposizione di noi parlamentari per sollecitare le autorità competenti a far luce sull'inquietante episodio. Per tale motivo è mia intenzione presentare un'interrogazione al ministro dell'Interno Marco Minniti sull'incendio dei fienili a Capaccio e invito il Sindaco della Città a garantire la massima trasparenza e il controllo del territorio dando il massimo sostegno e collaborazione all’azione delle forze dell’ordine", conclude Cirielli.

IL SINDACO PALUMBO RISPONDE ALL’ON. CIRIELLI SUL TEMA DELLA SICUREZZA

"Rispetto il ruolo di parlamentare dell’On. Edmondo Cirielli e comprendo che è impegnato in campagna elettorale, ma avrebbe fatto bene ad informarsi, prima di scrivere al ministro Minniti, sulle azioni che il Comune di Capaccio Paestum sta mettendo in campo, e non da oggi, per garantire legalità e sicurezza a tutti i cittadini, non ultima la richiesta al Prefetto di Salerno, Salvatore Malfi, di convocare nella nostra Città un tavolo tecnico per affrontare tali questioni". Il Sindaco di Capaccio Paestum, Franco Palumbo, risponde così all’On. Edmondo Cirielli, in merito all’interrogazione presentata al ministro dell’Interno, Marco Minniti, sulla questione sicurezza nel territorio comunale di Capaccio Paestum.

"In questi mesi, non posso non evidenziare – aggiunge Palumboche il contesto ambientale, interno ed esterno, in cui questa Amministrazione sta operando, mostra chiari segni di degrado che in mancanza di azioni tempestive da parte delle Istituzioni, rischiano di determinare un arretramento complessivo della comunità sul piano della legalità. È stato sufficiente prendere le distanze, come annunciato durante la campagna elettorale, da alcuni prassi del passato, per stimolare la reazione di chi, non condividendo, ha dato la stura a iniziative di insofferenza e di protesta".

"Non si contano ormai – prosegue il primo cittadino – le lettere minatorie anonime, volte solo a gettare fango sul sottoscritto e sui componenti della squadra amministrativa, gli attacchi sui social, per non parlare poi degli atti intimidatori realizzati attraverso incendi e atti di vandalismo che di recente hanno colpito alcune aziende casearie, “ree” di aver manifestato sostegno al progetto di rinnovamento politico iniziato con le ultime votazioni, e della violenta aggressione subita da un operatore turistico del territorio. Contro queste situazioni, ci stiamo battendo, dando il massimo sostegno e collaborazione alle forze dell’ordine, contrariamente a quanto sostiene l’On. Cirielli. È stato già chiesto un piano di rafforzamento generale dei presidi di polizia e nello specifico del Comando Stazione Carabinieri con il ripristino delle 23 unità dell’organico in luogo degli attuali 13 militari. Contestualmente, stiamo facendo quanto possibile per avere una nuova caserma, con ancora più mezzi e più unità, e stiamo lavorando per dare a tutto il territorio un “Tribunale di Prossimità”, così da rendere ancora più forte la presenza dello Stato".

"Ho chiesto, quindi, - conclude Palumboun tavolo tecnico nella nostra Città al Prefetto di Salerno, Salvatore Malfi, affinché si possa dare a questa gente una risposta condivisa in grado di garantire legalità e sicurezza. Mi scuserà l’On. Cirielli per la lunga risposta, ma era doveroso comunicare alla comunità di Capaccio Paestum che non siamo stati con le braccia conserte".

Pubblicato in Piana del Sele

Ne dà notizia, in una nota stampa, il Presidente Regionale del Partito, Antonio Iannone: «Sono felice che Giovanni Fortunato, Sindaco di Santa Marina e già Consigliere Regionale della Campania, abbia sposato il progetto politico di Giorgia Meloni. La sua figura fatta d’impegno continuo per il territorio sarà una risorsa preziosa per la nostra squadra. Giovanni è già a lavoro, come testimonia una partecipatissima manifestazione svolta nel Golfo di Policastro, che ha visto l’intervento del nostro Capogruppo in Provincia di Salerno, Giuseppe Fabbricatore, e della nostra massima espressione nel Partito nazionale, On. Edmondo Cirielli. Benvenuto all’On. Fortunato, certo che insieme scriveremo una nuova ed entusiasmate pagina politica per vincere le prossime elezioni parlamentari e rendere protagonista la provincia di Salerno».

Pubblicato in Cilento

Il Presidente Regionale di Fratelli d’Italia, Antonio Iannone, in una nota ha dichiarato: «Le classifiche di openpolis.it consacrano, ancora una volta, l’On. Edmondo Cirielli di Fratelli d’Italia quale Parlamentare campano più produttivo. Nelle ultime classifiche Edmondo riesce addirittura a migliorare i dati, già lusinghieri, dello scorso anno (diciassettesimo posto) ed entra nei primi dieci. Cirielli risulta, così, il più attivo dei campani e il più attivo di Fratelli d’Italia che a dicembre è stato consacrato come il Gruppo Parlamentare più produttivo tra tutti. Per il Partito campano è motivo di orgoglio e modello ispirante, un Parlamentare che rappresenta valori, Idee, territori, passione, impegno, competenza. Edmondo è la giusta risposta della buona politica all’antipolitica che non cura nessun male causato dal PD alla nostra Patria».

Pubblicato in Politica
Pagina 1 di 17
ASD APS Partizan Salerno. C. F. 95152990651. Sede operativa: via Cristoforo Capone 47, Salerno 84135. R.V.G.N 160/2013. Registrato presso il tribunale di Salerno il 28/02/2013 Registro stampa n. 4/2013 R.V.G. 160/2013 Cronologico n.401/2013.

Contatti: Gazzettino di Salerno

Sito Web realizzato da: Webartis di Silvio Caricasole