Gazzettino di Salerno

Mercoledi, 23 Maggio 2018  08:31:49
A+ A A-

"Campo Progressista Campania e le Officine delle idee che da mesi stanno lavorando sul territorio regionale, continuano a pensare che l'offerta politica del centrosinistra non sia sufficiente per contrastare le pulsioni populiste e sovraniste che, sempre con maggiore insistenza, avanzano in Italia. La costruzione di un campo largo del centrosinistra capace di coinvolgere e risvegliare le forze sane impegnate nell'associazionismo, nel civismo e nelle tante esperienze amministrative senza simboli di partito diffuse nel paese, è una priorità assoluta. E l'unico che nel panorama politico ha proposto questa strada è stato, fino ad ora, Giuliano Pisapia. Per queste ragioni gli chiediamo di continuare il suo lavoro e di affiancare in maniera evidente tutti coloro i quali lavorano in tal senso. Una proposta ampia di centrosinistra non solo è necessaria, ma indispensabile per fronteggiare una crisi della rappresentanza sempre più evidente e che può spalancare le porte a scenari inimmaginabili. Rinchiudersi nel campo stretto della sinistra, dando vita ad una “cosa rossa”, non farà altro che certificare la fine dell’esperienza del centrosinistra nel nostro Paese, servendo alla destra più feroce e populista il governo del nostro Paese. In queste settimane, nonostante le difficoltà, erano stati fatti dei significativi passi avanti nella trattativa con il Partito Democratico per realizzare quel campo del centrosinistra largo, progressista e plurale, che potesse tenere insieme le diverse anime della sinistra, del centro, del cattolicesimo democratico, dell’ambientalismo e del riformismo. L’uscita di scena di Angelino Alfano, arrivata nelle stesse ore in cui si decideva di staccare la spina al percorso di Campo progressista, avrebbe potuto rappresentare la chiave di volta per aprire finalmente ad un’alleanza di tutto il centrosinistra. Il mancato accordo sullo Ius Soli – per il quale auspichiamo comunque un esito positivo dell’approvazione entro fine legislatura - certificata dalla mancata inversione dell’ordine del giorno al Senato, ha segnato la brusca frenata nei rapporti. Tuttavia, restiamo convinti, che non tutto il lavoro fatto in questi mesi vada buttato in mare. Restiamo fermamente convinti che vada fatto ancora uno sforzo per tenere aperto il dialogo con il Partito Democratico, incentrato sui contenuti programmatici. A questo proposito, Campo progressista ha già dimostrato di voler lavorare in tal senso e le officine delle Idee hanno rappresentato laboratori territoriali in cui articolare proposte che potessero essere immediatamente traducibili in politiche di governo. Ed è su questa scia vogliamo continuare a dare un contributo con la generosità e il piglio gentile che Giuliano Pisapia ha avuto fin qui e che, ci auguriamo, non venga messo da parte di fronte a tatticisimi e sotterfugi di sorta". Lo si legge nell'appello firmato dal coordinamento regionale di Campo progressista Campania e dalle Officine delle idee Campania.

"Chiediamo a Giuliano Pisapia la convocazione nazionale di tutte le Officine delle idee e dei comitati di Campo progressista", ha concluso Michele Ragosta. "In tanti hanno creduto e credono ancora nel suo progetto politico. Nell'ultimo incontro romano, al quale hanno partecipato solo i vertici di Campo progressista, gli è stata rappresentata una situazione che non corrisponde al vero. Da ieri sono sommerso di telefonate da parte di esponenti politici e semplici attivisti di molte regioni italiane, che ci stanno esortando ad andare avanti. Appare piuttosto evidente che i “big” di Campo progressista – o chi si sente tale - stavano già lavorando per raggiungere altri approdi, a sinistra come al centro. Tutte le compagne e i compagni di Campo progressista vogliono essere ascoltati da Giuliano. Ci deve almeno questo, poi sarà libero di scegliere il suo percorso".

Pubblicato in Politica

"Giuliano Pisapia ha dimostrato, ancora una volta,  che la linea scelta da Campo progressista, quella dell'unità e della discontinuità con quanto fatto sono, oggi più che mai, la chiave per unire tutto il centrosinistra. Adesso tocca al Partito Democratico dare delle risposte concrete ai problemi che sono stati posti. Ad Articolo Uno, invece, toccherà mettere da parte i rancori e lavorare insieme per l'unità". Così il deputato Michele Ragosta, commenta le parole del leader di Campo progressista, pronunciate oggi da #Diversa, una proposta per l'Italia, l'iniziativa che si è svolta all'Auditorium Antonianum di Roma.

"Il popolo di Campo progressista - ha proseguito Ragosta - chiede a Giuliano Pisapia di guidare il movimento nell'imminente ed impegnativa campagna elettorale, insieme a tanti di noi, a cominciare dalla presidente della Camera, Laura Boldrini, che insieme a Giuliano sono stati acclamati dalla platea come i veri leader di Campo progressista".

 

 

Pubblicato in Politica

“Ho votato convintamente No alla fiducia chiesta dal Governo sulla legge elettorale. Un No alla scelta della maggioranza di approvare con una forzatura una legge che avrebbe dovuto seguire il suo normale percorso parlamentare, fatto di dibattito e di proposte migliorative al testo uscito dalla Commissione Affari Costituzionali”. Lo dichiara il deputato di Articolo Uno-Mdp, Michele Ragosta, vicino all’area di Campo progressista di Giuliano Pisapia.

“Tutto la componente di Campo progressista – prosegue – ha votato compattamente contro questa scelta. Nelle prossime settimane, tuttavia, lavoreremo per unire tutta la sinistra e il centro-sinistra, senza fare cartelli politici improvvisati e che non siano frutto di ragionamenti ampi e condivisi, perché questa legge ci impone di mettere da parte le divisioni e ragionare sulle cose che ci uniscono. Non ci rassegniamo a consegnare il paese alle destre e pupulisti”. E lancia un appello: “Entro fine anno teniamo primarie di coalizione per scegliere il leader del centrosinistra”.

Pubblicato in Politica

"Sono molto soddisfatto dell'esito della riunione di questa mattina tra Giuliano Pisapia, Campo progressista e i vertici di Articolo UNO - Movimento Democratico e Progressista, che ha sancito la prosecuzione di un percorso comune per la creazione di un soggetto unitario del #centrosinistra. Adesso bisogna rafforzare l'impegno anche sui territori per costruire l'alternativa al Partito Democratico su temi importanti come lavoro, scuola e giovani". Lo scrive su Facebook il deputato di Articolo Uno-Mdp, Michele Ragosta, al termine dell'incontro di oggi a Roma tra i vertici dei due movimenti di centrosinistra

 

 

Pubblicato in Politica

“Il 1 luglio a Roma nascerà una nuova forza politica che avrà il compito di rifondare la sinistra-centro. Agli scontenti del Pd e della sinistra l’invito ad essere cofondatori di questo nuovo soggetto politico “INSIEME”, lasciandosi alle spalle le provenienze e mettendo da parte gli steccati ideologici”. Il deputato di Articolo Uno-Mdp, Michele Ragosta, lancia un appello al popolo di sinistra, della sinistra-centro, agli ecologisti e civici in vista dell’appuntamento di sabato prossimo in Piazza Santi Apostoli a Roma con Giuliano Pisapia

“Come è evidente in queste ore di analisi post-voto – dice Ragosta – all’interno del Partito Democratico è in corso un’emorragia profonda di iscritti ed amministratori locali: da Romano Prodi ad Enrico Letta a Walter Veltroni fino al caso di Lecce, solo per citarne alcuni, in molti si sono accorti che il Partito di Renzi sta diventando miope ed incapace di guardare e parlare al mondo della sinistra ed è per questo che, ormai, è arrivato al capolinea. Al contrario, siamo convinti che Giuliano Pisapia, Pierluigi Bersani e Roberto Speranza sapranno guidarci nella costruzione della sinistra-centro fortemente ecologista e capace di parlare a tutti i progressisti e di governare per costruire un Paese diverso”. 

Infine, un appello anche al mondo della sinistra radicale: “Chi guarda al popolo del Teatro Brancaccio per costruire la sinistra del rancore e del nulla si sbaglia”. 

Pubblicato in Politica

“Con Fondamenta inizia un nuovo percorso che porterà, finalmente, alla costituzione di un nuovo soggetto di centrosinistra. A Salerno dobbiamo fare appello a tutte le forze politiche del centro e al mondo ambientalista affinchè si uniscano con noi per creare un unico grande partito Progressista”. Così in una nota il deputato di Articolo Uno-Mdp, Michele Ragosta, al termine di “Fondamenta”, la tre giorni organizzata a Milano dal movimento politico guidato da Roberto Speranza, che si è chiusa con l’intervento del leader di Campo Progressista, Giuliano Pisapia. E proprio riprendendo le parole dell’ex sindaco di Milano, Ragosta ha lanciato il suo appello affinchè si crei una grande forza aggregatrice del centrosinistra.

“Solo aggregando tutte queste forze – ha aggiunto - si può cambiare passo e vincere. Attiviamoci nei nostri Comuni per costruire l’alternativa. In questo processo, Articolo Uno-Mdp avrà un ruolo centrale, spalancando le porte a tutti per farli sentire a casa con umiltà e generosità”.

Alla tre giorni di Fondamenta ha partecipato anche una folta delegazione del coordinamento provinciale di Salerno guidato dal coordinatore provinciale Federico ConteAndrea De Simone, Antonio Iannello, Maria Di Serio, Pasquale Mucciolo, Franco Massimo Lanocita, Valentina Botta - che ha preso parte ai tavoli tematici portando il proprio contributo alla piattaforma programmatica di Articolo Uno-Mdp.

Pubblicato in Politica
ASD APS Partizan Salerno. C. F. 95152990651. Sede operativa: via Cristoforo Capone 47, Salerno 84135. R.V.G.N 160/2013. Registrato presso il tribunale di Salerno il 28/02/2013 Registro stampa n. 4/2013 R.V.G. 160/2013 Cronologico n.401/2013.

Contatti: Gazzettino di Salerno

Sito Web realizzato da: Webartis di Silvio Caricasole