Il giorno dei morti più colorato di sempre: Lo scenario del Messico

Il giorno dei morti più colorato di sempre: Lo scenario del Messico

Ottobre 28, 2021 0 Di Claudio

L’1 e il 2 Novembre, se in Italia e in Sicilia rappresentano date macabre e legate ad una delle festività cristiane più importanti di sempre, in Messico si addobbano le strade per dei veri e propri giorni di festa e musica con banchetti e bagordi, completamente dedicati al tema della Morte. Questo modo di celebrare l’aldilà, oltre ad essere estremamente particolare, ha delle radici molto profonde che si discostano notevolmente da quello che avviene in Italia. Nel nostro paese la commemorazione dei defunti è un giorno di piena tristezza e di ricordo introspettivo, mentre in Messico il Dia de los muertos rappresenta un momento festoso e di condivisione tra i vivi. Ma in che modo?

Il Dia de Los muertos

Il giorno dei morti è la giornata in cui i defunti vengono a trovare amici e parenti, proprio per orientare i propri cari verso la corretta destinazione: è uso e costume di questa festa spargere sul suolo i cempasuchil, ovvero dei fiori tipici del messico noti proprio come “i fiori dei morti”. Se si ha inoltre il dubbio che il proprio caro defunto non abbia un senso dell’orientamento sviluppato, scoppiare qualche petardo fuori dalla propria abitazione sarà un modo per avere gli occhi puntati addosso. Tutto quello che si può circoscrivere nel panorama di questa festa, ha come perno centrale la preparazione di un altare domestico sul quale posizionare offerte, ricordi, cibo e i simboli dei quattro elementi: la terra, il papel picado (una carta speciale con buchi che rappresenta il vento), l’acqua e il fuoco ( due candeline, una per le anime che si ricordano e l’altra per quelle che si dimenticano). Questo giorno prevede che le abitazioni rimangano aperte e, nella maggior parte dei casi, si posiziona il cibo in un cuscino all’ingresso, consentendo ai propri cari di riposarsi all’ingresso.

Dove finisce l’anima messicana?

Per capire a pieno quale sia il segreto che anima l’aspetto fascinoso del giorno dei morti più allegro in Europa, basta capire le divergenze della religione cristiana. Diversamente da come avviene in questa, in Massico, in cui sono presenti fortissime tradizioni mesoamericane, il futuro delle anime non dipende strettamente da quanto cattivi o buoni si è stati sulla terra, quanto dal modo in cui questa terra si lascia. Tlalocan, Omeyocan, Mictlan e Chichihuacuauhco sono i luoghi sono finisce l’anima dei defunti, rispettivamente in funzione della morte e dell’elemento naturalistico associato.

Se in Messico però si organizzano feste e canti allegri, in Italia c’è continuamente la corsa al funerale economico che, Funerali Roma propone con grande successo. La morte è il termine ultimo di tutti, sta a noi affrontarla con un tono più allegro ed esorcizzante o facendoci sopraffare dalla tristezza.